Il sindaco di San Marco in Lamis, Michele Merla, con ordinanza n. 852/2022 ha disposto il divieto assoluto di vendita ed utilizzo di petardi, botti e artifici pirotecnici di qualsiasi genere da ieri fino al 6 gennaio 2023, demandando a Vigili Urbani e Carabinieri il controllo e le eventuali multe. Si rischia una ammenda fino a 500 euro.

Nello specifico il sindaco ha ordinato:

1. il divieto di vendita, a partire dal 30 dicembre 2022 e fino al 6 gennaio 2023 “di fuochi d’artificio ascrivibili alla categoria F2 e F3 e comunque dei cosiddetti “fuochi di libera vendita” o “declassificati” che abbiano effetto, semplice o in combinazione con altri, di scoppio, crepitante e fischiante (tipo rauti o petardi, petardi flash, petardi saltellanti, sbruffi, mini razzetti, razzi, candele romane, tubi di lancio, loro batterie e combinazioni, ecc.) ed esclusi i prodotti del tipo fontane, bengala, bottigliette a strappo lancia coriandoli, fontane per torte, petardini da ballo, bacchette scintillanti e simili, trottole, girandole luminose.

2. Il divieto, a partire dal 30 dicembre 2022 e fino al 6 gennaio 2023, di utilizzo di ogni tipo di fuoco d’artificio, in luogo pubblico e anche in luogo privato ove, in tale ultimo caso, possano verificarsi ricadute degli effetti pirotecnici su luoghi pubblici o su luoghi privati appartenenti a terzi non consenzienti, nonché di articoli pirotecnici teatrali e di altri articoli pirotecnici per scopi diversi da quelli cui gli articoli stessi sono espressamente destinati (fanno eccezione gli spettacoli autorizzati dei professionisti di cui all’articolo 4 del Decreto Legislativo 4 aprile 2010. n. 58).

3. Il divieto di utilizzo di fuochi pirotecnici, non posti in libera vendita, nei luoghi privati senza la licenza di cui all’art. 57 TULPS nel corso della notte tra il 31 dicembre ed il 1° gennaio p.v. a partire dalle ore 20.00 e fino alle ore 7.00 del giorno successivo:

4. Il divieto di cedere a qualsiasi titolo, usare o portare con sé nei luoghi pubblici o aperti al pubblico materiale esplodente, di qualsiasi categoria ai minori di anni 18 e privi della carta d’identità in corso di validità:

5. Il divieto per tutti coloro che hanno la disponibilità di aree private, finestre, balconi. lastrici solari, luci e vedute et similia. di consentirne a chiunque l’uso, per la effettuazione degli spari vietati dalla presente ordinanza, dalle ore 20:00 del 31.12.2022 alle ore 07.00 del 01.01.2023.

Le violazioni alle suddette prescrizioni, ove il fatto non costituisca reato, saranno punite ai sensi dell’art. 7 bis del D. Lgs. 267/2000 con sanzione amministrativa pecuniaria da € 25,00 a €. 500.00.

Print Friendly, PDF & Email