Il sindaco di San Marco in Lamis, Michele Merla, comunica l’avvenuto sopralluogo nelle località cittadine ed extra-cittadine più esposte al rischio idrogeologico.

Il territorio necessita di essere messo in sicurezza, pertanto il primo cittadino, assieme alla giunta e ai vertici della Protezione Civile ha pensato bene di buttare le mani in avanti e di verificare di persona quanto più volte segnalato da cittadini e tecnici.

“Ieri mattina la Giunta, insieme al Dirigente dell’Ufficio Tecnico comunale, ai tecnici della Provincia di Foggia, del Consorzio di Bonifica Montana e della Protezione Civile Nazionale, regionale e locale, ha effettuato un sopralluogo nelle zone della nostra città più esposte al rischio derivante dal dissesto idrogeologico sia dell’area urbana, sia di quella extraurbana (localita’ “Valle di Vituro”, “Calderoso” “Forno Vecchio”; quest’ultime già oggetto di un finanziamento regionale di € 300.000,00 per la riduzione dei danni causati dall’alluvione dello scorso luglio). La condivisione dei problemi legati alla fragilità del nostro territorio con gli enti sovraordinati ci permetterà di programmare, utilizzando i fondi del PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza), interventi mirati e finalizzati alla mitigazione del rischio idrogeologico” – ha spiegato Merla.

E’ un primo passo che porterà la nuova giunta e il rieletto primo cittadino a presentare apposite progettualità e richieste di finanziamento finalizzate alla mitigazione del rischio di frane, alluvioni e smottamenti.

Ne sapremo di più nelle prossime settimane. Con il sindaco presente ai sopralluoghi l’assessore ai lavori pubblici e al PNRR Nicola Potenza e l’assessore all’ambiente Sacha De Giovanni.

Print Friendly, PDF & Email

Autore

  • Angelo Riky Del Vecchio

    Angelo detto Riky. E' nativo di Foggia, ma ha vissuto tra Rignano Garganico, Rimini, Genova, Parma, Padova e Ravenna. Attualmente lavora in provincia di Foggia. E' Giornalista, Scrittore, Formatore e Infermiere. E' direttore del quotidiano sanitario nazionale www.assocarenews.it e collabora con i portali locali www.rignanonews.com e www.vocedelgargano.com.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *