Presenza costante sul territorio da parte dei Carabinieri della Stazione di Troia che qualche giorno fa, durante lo svolgimento di uno dei numerosi servizi di pattuglia automontata, hanno notato 4 soggetti con volto travisato da passamontagna uscire dal supermercato Carrefour di viale Dante e salire repentinamente a bordo di una Fiat Panda, risultata essere oggetto di furto alcuni giorni prima, e darsi alla fuga sulla SP 109 direzione Lucera.

Tempestiva è stata la reazione dei militari che, notato l’atteggiamento sospetto dei 4 fuggiaschi, si sono messi al loro inseguimento percorrendo ad alta velocità le vie del centro cittadino e la SP 109 – direzione Lucera, nel corso del quale hanno notato gli stessi disfarsi di 2 passamontagna e di una pistola “scacciacani” priva di tappo rosso lanciandoli dal finestrino. Dopo diversi chilometri i 4 soggetti sono stati fermati e bloccati grazie anche all’intervento di altra pattuglia nel frattempo intervenuta in supporto. Nel corso della perquisizione veicolare sono stati rinvenuti 2 registratori di cassa contenenti circa 1000€ oltre ad un paio di guanti, uno spadino e un terzo passamontagna mentre, ripercorrendo il tragitto a ritroso, i carabinieri hanno recuperato la pistola e i 2 passamontagna lanciati poco prima. Tutto il materiale rinvenuto è stato sottoposto a sequestro penale ad eccezione dei 2 registratori di cassa contenenti denaro contante che sono stati riconsegnati all’avente diritto. I soggetti fermati, prontamente identificati, sono risultati essere 2 maggiorenni e 2 minorenni provenienti tutti da Orta Nova, alcuni di essi già noti alle Forze dell’Ordine. 

La visione delle immagini del sistema di videosorveglianza del supermercato e quanto rinvenuto all’interno dell’autovettura hanno consentito di ricostruire al meglio la dinamica della rapina da poco perpetrata dai 4 e di attribuire la stessa a quest’ultimi.

I 2 maggiorenni arrestati, al termine formalità di rito, sono stati sottoposti rispettivamente alla misura precautelare della custodia cautelare in carcere e degli arresti domiciliari, come disposto dalla locale Procura della Repubblica mentre i 2 minorenni arrestati sono stati tradotti presso il “Centro di Prima Accoglienza presso l’Istituto Penale Minorile di Bari, come disposto dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Bari.

Le rispettive Autorità Giudiziarie hanno convalidato gli arresti disponendo per i due maggiorenni rispettivamente la custodia cautelare in carcere e gli arresti domiciliari, mentre per i 2 minorenni è stata disposta la misura cautelare del collocamento in comunità. 

Giova evidenziare che, al momento, le indagini si trovano nella fase preliminare e seppur vi sia stato un pronunciamento da parte dell’A.G. sulla base dei primi elementi di raccolti, gli indagati sono da ritenersi innocenti sino all’esito definitivo del processo a cui gli stessi saranno sottoposti. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.